Derattizzazione Topi e Ratti

Derattizzazione Topi e Ratti

La presenza di topi, specialmente in locali o nelle industrie alimentari è sempre un pericolo a cui bisogna stare attenti. Infatti le richieste di controllo ed eliminazione di topi o ratti, sono sempre più richieste, anche il ambienti privati. Questo è dovuto spesso all’aumento della popolazione, spostatasi dalle campagne alla cifra.

La derattizzazione è quell’intervento che tende ad allontanare ed eliminare definitivamente ratti e topi in luoghi frequentati dalle persone come case, giardini, parchi e industrie che trattano prodotti alimentari.

È molto importante eliminare i topi tempestivamente, in quanto solo animali estremamente prolifici e molto pericolosi, poiché portatori di malattie infettive che a volte possono portare perfino alla morte.

Derattizzazione: tutti i metodi possibili

Ci sono vari metodi per effettuare una derattizzazione completa, ecco quali sono.

Derattizzazione con trappole meccaniche

L’utilizzo delle trappole meccaniche per la derattizzazione è il metodo più conosciuto ed utilizzato, poiché veniva già sfruttato in antichità. L’allontanamento dei topi è fondamentale per garantire un’igiene corretta ed una sicurezza contro malattie e batteri trasmesse da essi. Le trappole meccaniche si suddividono in due tipologie diverse:

  • Trappole live: sono quelle trappole che vengono utilizzate nel caso in cui non si vuole uccidere l’animale, permettono infatti di catturare l’animale per poi liberarlo in un luogo lontano.
  • Trappole killer: sono quelle trappole che catturano l’animale uccidendolo all’istante, quindi un metodo più o meno umanitario

Queste trappole possono suddividersi ancora in:

  • Trappole a cattura singola
  • Trappole a cattura multipla

Derattizzazione mediante ultrasuoni

Questo innovativo metodo permette a chi lo utilizza di allontanare i topi utilizzando macchinari che emettono onde a ultrasuoni, che hanno causato non poche controversie tra gli operatori del settore. Anche se il costo di un impianto ad ultrasuoni è piuttosto elevato, è un sistema sicuramente efficace rispetto a metodi più tradizionali. Questo trattamento si basa sul fatto che i roditori, quindi ratti e topi in questo caso, emettono e ricevono ultrasuoni.

Questi ultrasuoni raggiungono un frequenza oltre ai 20 kHz, quindi non sono udibili dall’orecchio umano ma che possono addirittura uccidere i roditori quando arrivano intorno ai 160 decibel di potenza, questo poiché avviene nell’animale un eccessivo aumento della temperatura del corpo. Inoltre esponendo per lungo tempo questi animali agli ultrasuoni, gli viene indotto un forte stress ed una modificazione del sistema endocrino. Tuttavia questo metodo sembra solamente ridurre in modo temporaneo l’infastazione, presentando determinati problemi

  • gli ultrasuoni ad altra frequenza si propagano in linea retta, quindi la loro potenza diminuisce a breve distanza da dove vengono emessi poiché assorbite dai corpi solidi
  • i roditori, proprio come gli esseri umani, si abituano a vivere in zone molto rumorose e questo, a volte, può creare una resistenza e abitudine agli ultrasuoni da parte dei topi.
  • alcuni suoni emessi ad ultrasuoni vengono riconosciuti dal topo come versi dei predatori rapaci, ma dopo un periodo i topi capiscono che non sono presenti e tornano alla loro normale attività.
  • gli ultrasuoni efficaci contro i roditori, sono dannosi anche per l’uomo

Derattizzazione con anticoagulanti

La derattizzazione con anticoagulanti o rodenticidi cronici possono definirsi simili in quanto hanno lo stesso funzionamento. Fondamentalmente agiscono sulla coagulazione del sangue che necessita di vitamina K. L’organo colpito del roditore con questi trattamento è il fegato, in modo tale da non fargli assimilare la vitamina K, quindi non permettendo al sangue di coagularsi e di conseguenza in pochi giorni inizieranno a presentarsi emorragie mortali.

I sintomi causati sono debolezza, letargia, riflessi lenti, schiena incurvata e presenza di sangue intorno agli orifizi. Gli anticoagulanti sono estremamente tossici anche in caso di contatto diretto con la pelle o per inalazione. Essendo poco solubili possono essere utilizzati anche sulle colture, poche non vengono assorbiti dalla pianta e la loro presenza è persistente nel terreno.

È bene però specificare che con il suo utilizzo questo metodo ha perso efficacia, in quanto si sono manifestati episodi di resistenza e la nascita di generazioni di ratti immuni a questo metodo. Se questo metodo dovesse fallire, è importante farsi aiutare da personale specializzato, che saprà riconoscere il motivo del fallimento e fornire un ulteriore soluzione.

Comments are closed.
 
 
CHIAMA SUBITO 0809080007
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

0809080007